Agosto 19, 2019

Classi Energetiche degli Elettrodomestici: Come risparmiare?

classi energetiche degli elettrodomestici come risparmiare

Cosa sono le Classi Energetiche degli Elettrodomestici

Per prima cosa bisogna capire cosa sono le classi energetiche degli elettrodomestici e come vanno interpretate le sigle e le tabelle.

La classe energetica di un elettrodomestico, chiamata anche classe di consumo energetico, ci indica quanta energia elettrica e quanto inquinamento produce l’elettrodomestico che vogliamo acquistare.

Che sia un frigorifero, una lavatrice, una caldaia, una lavastoviglie o un televisore, ogni apparecchio viene catalogato dalla fabbrica nella classe di efficienza energetica più appropriata.

Questa catalogazione è divenuta obbligatoria in tutta Europa dal 2011 e negli anni ha subito molti aggiornamenti e variazioni.

Grazie alla ricerca scientifica e ai nuovi materiali infatti gli elettrodomestici hanno abbassato il loro consumo di energia elettrica e impatto sull’inquinamento.

Le classi energetiche originarie andavano dalla lettera A, che indicava il più economico nei consumi, alla lettera G che invece indicava il meno economico.

Negli anni successivi al 2011 per molti degli elettrodomestici in classe E, F e G è stata vietata la vendita, e contemporaneamente si è aumentata la produzione per la classe più economica nei consumi.

Così oggi molte classi energetiche degli elettrodomestici vanno dalla A+++ alla D.

Purtroppo per motivi tecnologici le classi energetiche degli elettrodomestici non hanno lo stesso risparmio.

Per fare un esempio pratico, un frigorifero classe A+++ consuma il 60% in meno di uno di classe A, mentre una lavatrice classe A+++ consuma “soltanto” il 30% in meno.

Comprare bene sfruttando le Classi Energetiche degli Elettrodomestici

Comprare un elettrodomestico di classe A+++ è sempre un buon acquisto se pensiamo all’inquinamento, ma se lo facciamo per risparmiare sulla bolletta energetica bisogna fare altre considerazioni.

Tutto dipende dall’uso che si fa dell’elettrodomestico, perché il prezzo dell’elettrodomestico di classe A+++ rispetto ad uno di classe A+ è molto più alto, così ammortizzare la spesa in più per l’acquisto dell’elettrodomestico classe A+++ potrebbe diventare impossibile se l’elettrodomestico non viene usato spesso.

Per capire meglio questo concetto voglio proporre questo esempio:

Una lavatrice classe A+++ costa, in media, 350€ ed ha un consumo di circa 28/30€ l’anno per un uso non quotidiano, mentre una lavatrice A++ costa circa 260€ e consuma circa 31/34€ l’anno per un uso non quotidiano.

La differenza sul consumo è, nella migliore delle ipotesi, di 6€ l’anno ma la differenza di prezzo è di 90€, quindi per ammortizzare la spesa della lavatrice servirebbero 15 anni, che è molto oltre la durata media di una lavatrice nuova.

Ecco quindi che se vogliamo risparmiare veramente converrebbe acquistare una lavatrice di classe energetica A++.

Il ragionamento si capovolge se invece usiamo la lavatrice tutti i giorni, o anche più di una volta al giorno, perché il consumo annuo della lavatrice classe A+++ aumenterebbe di molto arrivando a superare i 27€ l’anno, e quindi in circa 3 anni ci saremmo ripagati la differenza di prezzo iniziando così ad avere il risparmio sui consumi.

Le Classi Energetiche degli Elettrodomestici per risparmiare

Ovvero come sfruttare le classi energetiche degli elettrodomestici per risparmiare anche il 50% sulla bolletta elettrica.
Prendendo il documento ufficiale dell’ENEA, che spiega le classi di consumo energetico per ogni tipo di elettrodomestico, capiamo che gli elettrodomestici che veramente portano un risparmio nel breve periodo.

Questo ci permette di stilare una lista di elettrodomestici che sicuramente conviene acquistare in classe energetica A+++.

Frigorifero

Il primo elettrodomestico classe A+++ che conviene avere in casa è sicuramente il frigorifero.

La differenza di consumo tra un classe A+++ e un classe A++ è del 30%, ed essendo un elettrodomestico che è acceso 24 ore su 24 il risparmio è tangibile già dal secondo anno.

Asciugatrice

Il secondo elettrodomestico più conveniente è l’asciugatrice.

Il consumo di una asciugatrice classe A+++ è del 30% più economico di una asciugatrice classe A++, e per un uso di almeno 250 volte l’anno la differenza di prezzo è ammortizzata già dal secondo o terzo anno.

Televisori di grandi dimensioni

Il terzo elettrodomestico è la televisione.

Considerando un uso di almeno 4 ore al giorno una televisione di grandi dimensioni, e considerando anche il calo dei prezzi delle TV che stiamo avendo in questo periodo, acquistare un televisore di classe energetica A+++ è sicuramente più conveniente che acquistarne uno di classe energetica A++.

Lavasciuga

Le lavasciuga stanno diventando sempre più di moda, e anche l’acquisto di questo elettrodomestico in classe energetica A+++ può essere un buon modo per risparmiare nel breve tempo sulla bolletta energetica.

Anche in questo caso l’uso quasi quotidiano permette di ammortizzare in circa 3 anni il costo in più che c’è tra una una lavasciuga classe A+++ e una lavasciuga classe A++.

Climatizzatori

Qui dobbiamo fare una serie di precisazioni.

Parlo esplicitamente di climatizzatori e non di condizionatori.

Questo perché i condizionatori vengono usati pochi mesi l’anno, quindi la differenza tra classe energetica A+++ e classe energetica A++ non è poi così influente rispetto ad altri fattori.

Per i climatizzatori e pompe di calore invece il discorso è molto diverso, visto che possono essere usati sia per il raffreddamento che il riscaldamento invernale.

La differenza di prezzo tra un climatizzatore classe A+++ e un climatizzatore classe A++ è più bassa del risparmio che si può ottenere utilizzando anche solo in parte il climatizzatore d’inverno come riscaldamento.

Si può ammortizzare la differenza di costo tra un climatizzatore di classe energetica A+++ e quello di classe energetica A++ in circa 3 anni, o 2 anni se il climatizzatore è con 2 o 3 split.

Altre informazioni sulle Classi Energetiche degli Elettrodomestici

L’ente che si occupa per l’Italia della gestione delle classi energetiche è l’ENEA.
Sul sito potete trovare tante altre informazioni più dettagliate sia sull’etichetta della classe energetica che mostra la classe energetica dell’apparecchio, sia sui consumi minimi e massimi calcolati per ogni classe energetica.

Se invece volete informazioni più dettagliate sulle classi energetiche di ogni elettrodomestico venduto in Italia (e in Europa) potete scaricare il PDF con tutte le spiegazioni di quanto si può risparmiare tra una classe energetica e l’altra a seconda del tipo di elettrodomestico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *