18 Gennaio, 2020

Cos’è l’energia idroelettrica e come funziona

cos'è energia idroelettrica

L’energia idroelettrica rappresenta una fonte rinnovabile che permette di avere appunto la corrente elettrica nelle diverse città.
Vediamo tutto quello che bisogna conoscere in merito a questo genere di centrale.

Cos’è l’energia idroelettrica

L’energia idroelettrica è quel tipo di energia che viene prodotta usufruendo delle riserve idriche.

Esistono due varianti delle centrali, di cui la prima è quella a energia idroelettrica statica, ovvero quella che sfrutta l’acqua prelevandola da una riserva idrica come, per esempio, un lago dove l’acqua appunto tende a rimanere ferma.

Quella corrente, invece, è rappresentata dalle centrali che invece usufruiscono delle riserve d’acqua come quelle del fiume che, invece, tendono a essere in movimento.

In questo modo viene convertita tale energia, ovvero quella del moto dell’acqua, in energia elettrica.

Come funzionano le centrali idroelettriche

Le centrali idroelettriche sono caratterizzate dalla presenza di una serie di diverse tubazioni che hanno l’obiettivo di portare l’acqua nelle vasche interne presenti all’interno della stessa centrale.

Il movimento delle stesse comporta che, il movimento della massa dell’acqua, generi un tipo di energia che viene convertita dalla centrale, specialmente quando l’acqua viene fatta cadere nella vasca interna dove viene collegata la turbina.

Che si tratti di un bacino naturale oppure di uno artificiale, i dislivelli che vengono creati sono studiati appositamente per ottenere appunto questo genere di effetto, ovvero fare in modo che il dislivello possa produrre una certa forza e che, di conseguenza, venga ottenuta l’energia elettrica.

I controlli sulle centrali idroelettriche

I controlli sulle centrali idroelettriche vengono svolti periodicamente e questi hanno un obiettivo ben preciso, ovvero controllare che, effettivamente, tutte le diverse tubature, la centralina di conversione e la resistenza delle mura che permettono il contenimento della riserva idrica siano sempre funzionanti e di prima qualità.

Basta un piccolo danno per impedire il funzionamento di una parte della centralina e se questa dovesse appunto palesare un difetto, si rischierebbe effettivamente di non avere energia elettrica, dettaglio che non deve essere assolutamente sottovalutato.

Pertanto le diverse verifiche periodiche hanno lo scopo di offrire la certezza di avere energia elettrica e garantire il corretto funzionamento della medesima.

Le centrali idroelettriche in Italia

In Italia sono diverse le centrali idroelettriche presenti sul territorio nazionale e tra di esse spiccano quella di Premadio e Berlini in Lombardia, così come quella a Rieti e diverse altre che, periodicamente, vengono sottoposte a un attento controllo affinché queste possano esser effettivamente funzionanti e sia possibile evitare che il loro compito possa essere svolto in maniera ottimale, senza nemmeno una piccola imprecisione.

I pro e i controllo di questo tipo di centrale

Come per altre centrali, anche quella idroelettrica possiede dei pro e dei contro.

Come lati positivi occorre sottolineare i bassi costi di queste centrali, che possono essere realizzati in maniera assai semplice senza costi che possono avere un impatto negativo sull’economia del Paese.

Come aspetto negativo vi è il fattore relativo alla potenziale siccità che, se si dovesse palesare, impedirebbe alla stessa centrale elettrica di poter essere effettivamente funzionare e offrire la produzione di energia elettrica.

Inoltre, in caso di guasto, si rischia la medesima situazione e occorre sottolineare come queste centrali siano abbastanza delicate nei loro meccanismi e pertanto bisogna cercare di tenere in considerazione il fatto che la manutenzione deve essere continuativa proprio per prevenire questo genere di situazione abbastanza frequente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *